Pagine

domenica 14 settembre 2008

Buona settimana (a noi tocca tentare...)

Carissimi,

nei momenti di sconforto o di senso di impotenza mi ha sempre sostenuto una frase di T. Eliot, poeta americano credente del ‘900: “A noi tocca tentare, il resto non ci riguarda”.

Buona settimana

8 commenti:

Alberto Cannavò ha detto...

Caro Giuseppe e Amici tutti,
Questa farse di T. Eliot, che Giuseppe ci propone, “A noi tocca tentare, il resto non ci riguarda”, devo confessarvi che questa frase, in parte, echeggia da alcune settimane nelle mia testa e nella mia coscienza e su questa spinta propulsiva, ho deciso d'impegnarmi e tentare.
Personalmente credo fermamente nella forza di aggregazione, nella capacità, nella volontà e nella forza del popolo, che spinto dalle primarie e comuni esigenze trova la forza di emergere e far valere la sua supremazia, cosi come sancito dalla nostra Costituzione.
E' importante che tutti noi ricordiamo che la Politica non è una bestia nera da evitare, ma che in realtà deve considerarsi come la più alta espressione della volonta del singolo cittadino e del Popolo sovrano, che con la democratica scelta e l'esercizio della preferenza pone suoi rappresentanti al governo del Paese, concedendo al rappresentante scelto la piena fiducia.
Entrambi, con il voto sottoscrivono un patto, che prima di esse scritto in un programma politico e' sancito da una profonda e consolida fiducia, che sarà riposta in uomini onesti, competenti e carichi di buona volonta. Ecco perché ora "A noi tocca tentare......"
Grazie della vostra attenzione.

Giuseppe Sbardella ha detto...

Volentieri ho pubblicato il commento di Alberto, da alcune settimane impegnato in una azione di aggregazione per una nuova politica. Chi è interessato può andare sul suo blog http://versounabuonapolitica.blogspot.com/ .
Da parte mia continuerò a dare al mio blog una impronta più attenta alle problematiche spirituali ed a quelle socio-economiche.
Grazie Alberto

Marco Fosser ha detto...

Mi sembra un pò riduttivo?!
Concordo nell'essere impegnato in prima persona, "nel tentare", ma mi dissocio da "il resto non ci riguarda", lo vedo come un limite, come un vagare nella penombra ignorando (perchè nono lo si vede) ciò che di bello o di meno bello ci circonda, e sicuaramente qualcosa c'è più in là dell'essere noi soli.. c'è qualcosa?
Vedo il futuro come una riscoperta quotidiana di tutto ciò che ci è accanto quotidianamente e che, presi da centomila pensieri, ci lasciamo sfuggire, non gustiamo nemmeno la metà di tutto questo, nel bene e nel male: ma che sciocchi che siamo.. ogni tanto aggiorno il blog http://centopensieri.blogspot.com con qualche riflessione.. è un modo per fermarsi, riflettere e condividere. Non tutti possiamo permetterci di scrivere e pubblicare libri, ma la rete ci permette questa libertà di condivisione
Grazie per lo spazio concesso
Marco Fosser

Giuseppe Sbardella ha detto...

Ciao Marco, dalle risposte ricevute, anche private, mi sono accorto che c'è stato un difetto di comunicazione.
La citazione "A noi tocca tentare, il resto non ci riguarda" andava inquadrata in una ottica spirituale e voleva rappresentare il fatto che noi dobbiamo fare tutto il possibile per cambiare in meglio il mondo, ma che dobbiamo anche essere sempre consapevoli che Dio è il Signore del mondo. Pertanto non disimpegno, ma forte, e contestualmente umile, impegno.
Ciao

Marco ha detto...

Se dunque questo è l'intendimento mi trovi completamente d'accodo.
L'onnipotenza è un brutto male dei nostri giorni, personalmente riconosco solamente Dio come Onnipotente..
Come recita un motto scout "estote parati"!

il moralista ha detto...

ho parlato del tuo libro da me...
ciao

Giuseppe Sbardella ha detto...

Grazie,

ciao e buona giornata

Luigi DE VALERI ha detto...

In ogni situazione "a noi tocca tentare": nella vita in generale, nei rapporti familiari e con gli amici, nel rapporto con Dio quando crediamo a torto di non essere più considerati da Lui.
Il resto non ci riguarda vuol dire non curarsi dell'opinione di chi guarda e giudica senza mai tentare nulla per migliorarsi e migliorare il mondo.